Comunicato stampa

Con ZAir migliora la qualità dell'aria sul luogo di lavoro

La soluzione consente di raccogliere, analizzare e monitorare un’ampia gamma di parametri ambientali


Secondo l’Istat, 31 milioni è il numero delle giornate lavorative del 2015 perse per colpa di un ambiente malsano, cui contribuiscono valori inadeguati di parametri come temperatura, qualità dell’aria, umidità e ventilazione.
La normativa sulla tutela della salute e sicurezza dei lavoratori, il Decreto legislativo 81/2008, classifica il microclima dell’ambiente di lavoro tra gli agenti fisici che devono essere compresi nella valutazione dei rischi. È dunque fondamentale monitorare, regolare e pianificare le corrette condizioni fisico-ambientali sul luogo di lavoro, per favorire il benessere del lavoratore e non creare sensazioni di disagio che possono anche arrivare a comprometterne la sicurezza e la salute.
È da queste premesse che nasce il nuovo software di Zucchetti Facility, società specializzata nello sviluppo e fornitura di soluzioni di asset management: si chiama ZAir ed è applicabile a tutti gli ambienti di lavoro, dagli uffici alle aree produttive, dalle scuole alle strutture sanitarie, magazzini compresi. Permette di misurare e analizzare una vasta gamma di parametri: oltre alla qualità dell’aria, la qualità dell’acqua, il gas radon, le polveri sottili, i campi elettromagnetici, le radiazioni nucleari ionizzanti e altro ancora.

“Siamo determinati a far sì che la nostra innovativa soluzione possa contribuire a migliorare la salute e la sicurezza delle persone in qualunque luogo di lavoro – commenta Stefano Landini, CEO di Zucchetti Facility.
Un grande punto di forza di ZAir sono anche le sue integrazioni: quella con Safety Solution di Zucchetti consente infatti di verificare i parametri fisici negli ambienti e di applicare audit interni rispondendo agli obblighi normativi, mentre l’integrazione con i sistemi Zucchetti di controllo accessi e di gestione del personale consente una gestione efficiente e ottimale della sicurezza di persone, mezzi, beni e ambienti”.

“Per la raccolta e misurazione dei dati, ZAir può essere interfacciato a dispositivi hardware installati sul campo in grado di trasmettere le informazioni in tempo reale dei parametri ambientali al software centrale – prosegue Landini –. Inoltre ZAir può identificare le potenziali aree critiche su cui intervenire, ottimizzando la fase di controllo per il rispetto della sicurezza ambientale.
Infine, l’app nativa per smartphone e tablet consente un controllo della situazione in tempo reale e da qualunque luogo”.


Condividi il comunicato